Passaparola!

I ricercatori e i nutrizionisti sono concordi nell’affermare che lo zinco è uno dei più importanti elementi essenziali per la nutrizione umana. Un nuovo articolo pubblicato sulla rivista scientifica Comprehensive Reviews in Food Science and Food Safety raccoglie e riassume i principali articoli degli ultimi anni su questo argomento. Le sue conclusioni affermano che lo zinco non è solo un elemento indispensabile per numerose funzioni fisiologiche ma costituisce addirittura un vero e proprio farmaco naturale nella prevenzione di numerose malattie.


Lo zinco: proprietà di una medicina naturale

Il corpo di un adulto contiene circa 2-3 grammi di zinco. Le maggiori fonti alimentari di questo elemento sono quelle con alto contenuto di proteine, specialmente la carne. Nonostante la sua importanza, però, circa la metà della popolazione mondiale è a rischio per un inadeguato apporto di questa sostanza minerale.

L’articolo pubblicato nella rivista scientifica riassume numerose le conclusioni di numerosi studi, i quali mostrano una relazione tra lo zinco e la buona funzionalità di diverse funzioni fisiologiche. Ecco quali sono infatti i possibili effetti di una sua cronica carenza nell’organismo:

– Cervello: il livello di zinco nel sangue è più basso nei malati di Alzheimer e Parkinson. Inoltre in un recente studio è stato osservato che lo zinco funge anche da antidepressivo.

– Sistema cardiovascolare: questo minerale gioca un ruolo fondamentale nella regolazione della pressione arteriosa. È accertato che sia la donne che gli uomini malati di ipertensione metabolizzano lo zinco in modo diverso rispetto alla popolazione sana.

– Fegato: la scarsità di questo elemento nel fegato non si riscontra solo nei pazienti affetti da cirrosi epatica ma anche in disturbi del fegato mano gravi e non necessariamente legati al consumo di alcol.

– Gravidanza: una mancanza di zinco di media entità durante la gravidanza può causare un aumento delle malattie durante la gestazione, alterazioni nel gusto, gestazione prolungata, sanguinamenti e rischio di parto prematuro.

– Diabete: lo zinco ha un ruolo fondamentale nella sintesi, l’accumulo e la secrezione di insulina. È stato dimostrato dagli studiosi che un basso livello di zinco nei pazienti diabetici porta ad altre malattie come le disfunzioni coronariche ed è un fattore di rischio per l’ipertensione e gli elevati livelli di trigliceridi.

– Sistema endocrino: gli studi mostrano una chiara correlazione tra il deficit di questo metallo nei pazienti geriatrici e una ridotta attività della tiroide, una diminuzione della risposta ai vaccini e una ridotta risposta immunitaria dell’organismo.

– Guarigione: la sua carenza è stata associata a un ritardo nella cicatrizzazione delle ferite e si è scoperto che è cruciale per la cura dell’ulcera gastrica, specialmente nella prima fase della malattia.

Quantità di zinco negli alimenti

zinco-alimentiOra che è stato chiarito il ruolo fondamentale di questo minerale per molte funzioni fisiologiche e per la prevenzione di numerose patologie vediamo quali sono gli alimenti che contengono più zinco tra quelli facilmente reperibili per le nostre tavole.

Nei maschi adulti la dose giornaliera raccomandata è di 15 mg, mentre per le donne di 12 mg (che sale a 15 mg in gravidanza e 19 mg durante l’allenamento).

Le principali fonti di zinco sono: molluschi e crostacei, carne rossa, cereali, legumi e frutta secca. Lo zinco dei vegetali è meno disponibile per l’organismo poiché, legandosi all’acido fitico presente in frutta e cereali, può formare un complesso insolubile che non viene assorbito dal nostro corpo.

Ecco qualche contenuto specifico di zinco per 100 grammi di prodotto, per aiutarvi a valutare ed eventualmente a correggere, la vostra assunzione giornaliera:

Ostriche: 40 mg

Cereali integrali per la colazione: 15 mg

Formaggio grana: 11 mg

Cioccolato fondente: 10 mg

Macinato di manzo: 8 mg

Funghi secchi: 8 mg

Bresaola: 5 mg

Lenticchie: 4 mg

Carne di maiale (spalla): 4 mg

Fagioli: 3 mg

Fontina: 3 mg

Spaghetti integrali: 2 mg

Tuorlo d’uovo: 2 mg

Carne di tacchino: 1 mg

Piselli: 1 mg

Carne di pollo: 1 mg

Integratori: si o no?

gluconato di zinco Senza dubbio il modo migliore per fornire al nostro corpo il giusto quantitativo di questo metallo dalle mille proprietà benefiche è quello di inserire questi alimenti nel contesto di una dieta varia ed equilibrata. Tuttavia è pur vero che in periodi di stress oppure per la cronica mancanza di tempo da dedicare alla cucina non è sempre facile alimentarsi in modo completo. Per questo è anche possibile ricorrere a degli integratori, purchè siano di buona qualità e comunque sempre in modo attento ed equilibrato.
Tra le varie forme di integratori di zinco presenti sul mercato, i cosiddetti “sali organici” sono da preferire ai sali minerali a causa della loro maggiore capacità di essere assorbiti dal corpo e tra essi il più utilizzato è senza dubbio il gluconato di zinco. Puoi guardare per esempio confezioni come questa che contengono 365 compresse e quindi ti assicurano il giusto apporto di zinco per un anno intero.
Gli integratori (parliamo di quelli certificati e di buona qualità anche negli eccipienti) possono infatti costituire un valido aiuto per il nostro organismo e contribuire in modo sostanziale a mantenerci in forma e in salute. In genere non causano alcun effetto collaterale poichè non sono farmaci. E’ tuttavia necessario non superare mai le dosi consigliate e, lo ripeto ancora, assumerli solo quando non si ha la possibilità di introdurre tutte le necessarie sostanze minerali attraverso l’alimentazione.

Conclusioni

Un recente articolo riassume tutti i vantaggi di un’adeguata assunzione di zinco che, se presente in quantità adeguata nel nostro organismo, può costituire una valida difesa e un’ottima prevenzione contro alcune malattie degenerative, del fegato e del sistema endocrino. Esso risulta inoltre indispensabile per un buon decorso della gravidanza e per favorire la completa guarigione di ferite e altre patologie.

Lo zinco si può assumere attraverso specifici integratori o, meglio, con una dieta varia contenente carne, cereali e legumi di buona qualità. Non dimentichiamoci dunque di questo prezioso minerale quando pensiamo a cosa preparare per cena, perchè è davvero una sostanza indispensabile per la nostra salute e il nostro benessere… LO DICE LA SCIENZA!


Fonte:

Kaur K. et al., The Metal of Life. Comprehensive Reviews in Food Science and Food Safety, 2014; 13 (4).

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Caffè. 6 benefici certificati dalla scienza Spesso la gente pensa al caffè solo come un veicolo per la caffeina, ma in realtà è una bevanda molto complessa che contiene centinaia di differenti...
Dormi che ti passa! Tutti sappiamo che una buona notte di sonno non può che farci alzare ristorati, in forze e pronti ad affrontare un nuovo giorno. Ma può fare anche di ...
Una dieta sana riduce il rischio di parto prematur... E' risaputo che una dieta sana e ricca di frutta e verdura aiuta a mantenersi sani e in forma. Tuttavia una nuova ricerca norvegese ha messo in luce...
Probiotici: sgonfiare la pancia e vivere meglio Sempre più cibi confezionati, pasti rapidi e irregolari, corse tutto il giorno, stress… Tutti questi fattori possono inficiare il buon funzionamento d...

Passaparola!

Non perderti neppure una novità su dieta, salute, benessere e fitness. Iscriviti alla Newsletter!