L’avena è un cereale ampiamente coltivato fin dall’antichità, le cui proprietà erano conosciute e apprezzate già al tempo dell’Impero Romano. Nella società attuale invece il suo impiego per l’alimentazione umana rappresenta solo una nicchia marginale rispetto a quello di altri cereali. Nuove ricerche scientifiche hanno però dimostrato che esso ha delle proprietà davvero interessanti per la salute e quindi vale certamente la pena di rivalutarlo sulla nostra tavola. Vediamo nel dettaglio cosa dicono questi studi.


Cos’è l’avena?

L’avena è una pianta della famiglia delle graminacee. Il cereale integrale è un alimento ricco di proteine (12%) e fibre (dal 12 al 14%). I grassi (7%) sono principalmente di tipo instauro e la parte restante è data ovviamente dai carboidrati, componente predominante di tutti i cereali. Oltre a ciò l’avena ha anche un buon contenuto di sali minerali, soprattutto calcio, magnesio, potassio, silicio e ferro, che ne fa un ottimo remineralizzante in grado di restituire robustezza alle ossa ed elasticità alla pelle.

Che proprietà ha l’avena?

Scienziati e nutrizionisti di tutto il mondo hanno presentato le loro conclusioni sulle straordinarie proprietà di questo cereale durante un’apposita sessione alla 247esima Annual Conference of the American Chemical Society, svoltasi a Dallas (USA).

I ricercatori si sono concentrati principalmente sullAvenantramide (spesso abbreviato in AVE), un composto fenolico presente solo nell’avena. Questa sostanza ha dimostrato spiccate proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antitumorali, ma utile sopratutto nella prevenzione delle malattie cardiache.

proprieta-avena-insalataÈ scientificamente dimostrato che mangiare cereali integrali di qualunque tipo porta a una riduzione consistente del rischio di malattie croniche e cardiovascolari.

Gran parte di questi benefici sono stati attribuiti all’alto contenuto di fibre, vitamine e minerali. In particolare, però, la fibra solubile Beta-Glucano presente nell’avena è stata certificata per la sua capacità di abbassare il colesterolo, sopratutto quello “cattivo” (LDL).

Spiega il Dr. Shengmin Sang, responsabile della sessione alla citata conferenza e ricercatore dell’università della North Carolina:

Oltre a confermare l’importanza del Beta-Glucano dell’avena, questi studi hanno rivelato che i vantaggi per la salute del cuore derivanti dal consumo di avena vanno ben oltre il suo contenuto di fibraCon l’avanzare della ricerca abbiamo scoperto che i composti bioattivi dell’avena – gli AVE-  possono portare anche a molti altri benefici per la salute del cuore“.

Un esempio è lo studio svolto da Mohsen Meydani, dottore al Vascular Biology Laboratory del Jean Mayer Human Nutrition Research Center on Aging della Tufts University. Questa ricerca scientifica ha dimostrato come gli AVE sopprimano la formazione delle citochine. Tali molecole hanno un’azione infiammatoria associata alla formazione di placche di grasso nelle arterie, prevenendo di fatto lo sviluppo dell’aterosclerosi.

Dove si trova e come si consuma l’avena?

Ora che abbiamo visto le numerose e preziose proprietà dell’avena non resta che capire come consumarla. Questo cereale ormai non è difficile da trovare, in particolare nei negozi di prodotti biologici. Oltre che nei classici fiocchi d’avena per la colazione, disponibili anche in versione integrale, si può acquistare in diverse altre formulazioni: cereali soffiati, crusca, farina, latte d’avena, preparati pronti come biscotti, pane nero, ecc…

Con l’avena si possono preparare gustose zuppe d’inverno e fresche insalate d’estate, utilizzandola come l’orzo,. Allo stesso modo non è difficile cucinare risotti, sformati e pudding usandola al posto del riso. Con la farina si può preparare dell’ottimo pane integrale insieme ad altri cereali e semi, e i fiocchi sono un classico della colazione nel latte o nello yogurt accompagnati con pezzi di frutta fresca. Tutti piatti semplici, gustosi e salutari.

avena-proprietà-ricetteSe poi volete avere qualche spunto in più per preparare delle magnifiche pietanze a base di avena vi consiglio il libro “Avena. La regina dei cereali. 100% vegan, ricette gluten free” (si, perchè forse non l’avevo ancora detto ma l’avena è anche senza glutine). Oltre 70 ricette per gustare questo cereale al naturale, in fiocchi, in preparazioni dolci o salate,  in barrette, in zuppe oppure trasformare l’avena in bevanda vegetale. Con un capitolo dedicato anche ai suoi usi non alimentari, come i bagni lenitivi per la pelle o la preparazione di biscotti speciali per i nostri amici a 4 zampe.

Conclusioni

Numerose ricerche internazionali hanno dimostrato che l’avena, e in particolare la componente fibrosa solubile presente nel cereale integrale, contiene una serie di molecole bioattive con potenti proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Un suo consumo regolare incide positivamente sui livelli di colesterolo LDL, sulla salute del cuore e sulla prevenzione dell’aterosclerosi.

Insomma un cereale antico che però ha ancora molto da dire, un vero toccasana per la salute e un rimedio alle scorrette abitudini alimentari dei nostri giorni… LO DICE LA SCIENZA!