Dalla scienza arriva una buona notizia: correre 10 minuti al giorno anche a bassa velocità può ridurre significativamente il rischio di morte per disturbi cardiovascolari rispetto a coloro che non corrono affatto, secondo uno studio pubblicato in questi giorni sulla rivista scientifica Journal of the American College of Cardiology.


 

Chi corre un po’ vive più a lungo

È risaputo che l’esercizio è un modo per prevenire i disturbi cardiaci ed è essenziale per una vita salutare, ma non era chiaro se tali benefici avvengano anche per un’attività al di sotto dei 75 minuti a settimana finora raccomandati dagli specialisti.

Per dare una risposta definitiva i ricercatori hanno seguito abitudini e stato di salute di ben 55.137 adulti con età compresa tra i 18 e i 100 anni per un periodo di 15 anni. Questa colossale ricerca aveva in definitiva lo scopo di determinare se esiste una correlazione tra la corsa e la longevità. A tutti i partecipanti è stato chiesto di compilare periodicamente un questionario sulle proprie abitudini sportive e questi dati sono stati poi analizzati dagli studiosi. Ne è risultato che il 24% delle persone intervistate praticava una qualche forma di corsa in modo regolare.

Incrociando i risultati dei questionari e degli esami clinici gli studiosi hanno potuto verificare che, rispetto a coloro che non praticavano la corsa, i runners avevano il 30% in meno di rischio di morte per qualunque causa e addirittura il 45% in meno di rischio di morte per disturbi cardiaci o infarto. Inoltre i corridori hanno vissuto, in media, 3 anni in più rispetto all’altro gruppo.

Visti questi risultati i ricercatori suggeriscono che, dal punto di vista della salute pubblica, promuovere la pratica sportiva della corsa è importante almeno quanto la prevenzione del fumo, dell’obesità e dell’ipertensione. Bisogna inoltre ricordare che la corsa porta anche molti altri vantaggi al nostro organismo come migliorare l’umore, rafforzare i muscoli, contrastare il diabete, sciogliere il grasso e molto altro, come ho riassunto commentando questa infografica.

Basta correre 10 minuti al giorno

correre-10-minuti

Ma il punto davvero sorprendente della ricerca è che tali vantaggi non dipendono in modo significativo da tempo, lunghezza, velocità e frequenza dell’attività di corsa riportata dai volontari. Inoltre i benefici erano gli stessi indifferentemente da sesso, età, indice di massa corporea, condizione di salute, consumo di fumo e alcol.

Dice a proposito il Dott. Duck Lee, autore principale dello studio e professore di kinesiologia presso l’università di Ames (USA): “Abbiamo potuto constatare che i runners che correvano meno di un’ora a settimana godevano degli stessi benefici rispetto a quelli che correvano più di tre ore a settimana. È quindi possibile che non sia la quantità ciò che conta nella relazione tra la corsa e la longevità“.

Potrebbe interessarti anche questo articolo: “Subito in forma con l’Interval Training“.

L’importante è essere costanti nel tempo

 
I ricercatori hanno inoltre analizzato le abitudini dei corridori scoprendo che quelli che avevano corso con costanza per un periodo medio di sei anni avevano i benefici più significativi, con un rischio di morte per qualunque malattia inferiore del 29% che sale al 50% per le patologie cardiache.

Dato che la mancanza di tempo è uno dei principali ostacoli per i sedentari che vorrebbero svolgere attività fisica, questo studio può motivare un buon numero di persone di ogni età a cominciare a correre, come un metodo efficace e salutare per migliorare e allungare la propria vita” dice Lee.

La corsa infatti può essere un’alternativa migliore rispetto ad altri tipi di esercizi per la gente più sedentaria, perchè correre 10 minuti o poco più al giorno produce gli stessi effetti benefici per la salute di mezz’ora o più di altri tipi di allenamento che molti potrebbero trovare troppo impegnativi“.

tapis-roulant-economico

Conclusioni

È risaputo che una moderata attività fisica è fondamentale per mantenersi in buona salute, ma una nuova ricerca scientifica focalizzata sui benefici della corsa ha evidenziato che questo tipo di esercizio può aumentare notevolmente l’aspettativa di vita riducendo fino al 50% l’impatto dei disturbi cardiaci. La notizia ancora più bella che emerge da questa ricerca, però, è che per soggetti di entrambi i sessi e di tutte le età si ottengono i massimi benefici già con 10 o 15 minuti di corsa al giorno.

Approfittiamo quindi dei momenti liberi della giornata, della pausa pranzo o della strada che dovremmo percorrere per andare al supermercato o in posta per regalarci questi 10 minuti di vita e benessere. Perché chi corre 10 minuti al giorno campa cent’anni… LO DICE LA SCIENZA!


Fonte:

Lee D. et al., Leisure-Time Running Reduces All-Cause and Cardiovascular Mortality Risk. Journal of the American College of Cardiology, 2014; 64 (5): 472