Passaparola!

La dieta mediterranea è sicuramente uno dei regimi alimentari più salutari e consigliati dai dietologi di tutto il mondo. Ci sono tuttavia degli accorgimenti, chiamiamoli pure piccoli trucchi, che permettono di massimizzare gli effetti della dieta. Lo ha evidenziato anche una ricerca scientifica condotta negli Stati Uniti qualche anno fa. Vediamo quindi i risultati di questo studio e quali sono i consigli per ottenere il massimo dalla propria dieta.


Due diete a confronto

Tutto è partito da un’osservazione fatta da alcuni studiosi inglesi che si stavano concentrando su ben altri aspetti.

“Studiando gli effetti di una dieta per la prevenzione del tumore al seno ci siamo accorti che le convenzionali tecniche di “restrizione calorica” portano a dei buoni risultati anche in termini di perdita di peso, come ci si aspetta, ma questo approccio risulta poi molto difficile da mantenere per lungo tempo”.

A parlare è la Dott.ssa Michelle Harvie, dietologa del Genesis Prevention Center dell’Ospedale Universitario di South Manchester (Inghilterra). La Harvie ha presentato i risultati della sua ricerca alla conferenza mondiale “Breast Cancer Symposium” svoltasi a San Antonio (USA).

trucco-dieta-mediterraneaIl team di ricerca ha confrontato i risultati di due tipi di dieta, durate entrambe quattro mesi, su 115 donne dai 21 ai 65 anni. Alle volontarie è stata assegnata in modo casuale una di queste due diete:

A – Dieta Mediterranea con restrizioni caloriche (7 giorni su 7). Si tratta della classica dieta mediterranea costituita da carne magra, pesce, pasta, pane, verdura cotta o cruda condita con olio d’oliva e frutta. La restrizione consisteva nel limitare l’apporto calorico a 1500 KCal/giorno, quindi in pratica i partecipanti erano tenuti a pesare esattamente tutto il cibo consumato per non superare la quantità di calorie stabilita.

B – Dieta dei Due Giorni Low-Carb. Ai partecipanti era richiesto di limitare solo l’assunzione di carboidrati (pane, pasta, zucchero, biscotti, dolci…) a 50 g/giorno per due giorni alla settimana, lasciando libertà di seguire la dieta mediterranea senza restrizioni caloriche (carboidrati e proteine comprese) in tutti gli altri giorni.

Il trucco per perdere peso è la dieta “intermittente” 

Anche se lo scopo originario della ricerca era verificare se questi tipi di diete avessero differenti impatti sul livello di insulina, ormone la cui presenza è direttamente legata al rischio di cancro al seno, i ricercatori hanno sottoposto i volontari anche a un regolare controllo del peso.

I risultati ottenuti sono davvero sconcertanti. Oltre a ridurre sensibilmente la resistenza all’insulina, la Dieta dei Due Giorni ha portato a una diminuzione di peso media nettamente superiore rispetto alla Dieta Mediterranea con restrizione calorica. Nel primo caso, infatti, i volontari hanno ridotto il proprio peso di circa 4 Kg contro i 2,4 Kg del gruppo che seguiva la Dieta Mediterranea classica.

La Dieta dei Due Giorni o ”Dieta Intermittente”, come la chiamano i ricercatori nel loro articolo, si è quindi rivelata doppiamente valida. Ha infatti permesso alle partecipanti di ridurre la presenza di indicatori biologici di rischio per il cancro al seno e al contempo di dimagrire in modo molto più marcato rispetto a quante seguivano un regime di restrizione calorica più rigido. Il tutto, lo sottolineiamo ancora, grazie a un tipo di dieta che per le sue caratteristiche risulta anche più facile da mantenere rispetto alle classiche diete dove si deve pesare il cibo ad ogni pasto.

trucco-dieta-due-giorniQueste scoperte sono state così interessanti per la scienza dell’alimentazione che la dott.ssa Harvie ha scritto anche un libro. Si tratta di “La dieta dei 2 giorni” dove spiega bene i risultati delle sue ricerche e i consigli per restare in forma senza troppe rinunce. Il libro viene inoltre in aiuto al lettore con dei comodi piani alimentari e una serie di ricette studiate appositamente per massimizzare gli effetti di questo regime alimentare

Conclusioni

Una ricerca inglese ha verificato che seguire una dieta con restrizioni caloriche per soli due giorni alla settimana è più efficace di una dieta mediterranea estremamente controllata. Questo quindi il trucco suggerito dalla ricerca medica: evitare quasi totalmente i carboidrati per due giorni alla settimana e mangiare liberamente i cibi della dieta mediterranea in tutti gli altri giorni. Questo accorgimento alimentare, oltre ad allontanare lo spettro di una brutta malattia come il cancro al seno, vi permetterà di tenere sotto controllo il peso senza troppi sacrifici… LO DICE LA SCIENZA!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Vuoi dimagrire? Ecco 5 errori da non fare Il Dr. Michelfelder, medico e professore del Dipartimento di Salute Familiare della Loyola University (USA), ogni gennaio fa compilare dei questionari...
Cosa mangia il nutrizionista più famoso del mondo?... Il Dr. Walter Willett,  forse il più apprezzato e famoso nutrizionista vivente, ha passato la vita a capire e spiegare come la dieta può causare o p...
Una dieta sana riduce il rischio di parto prematur... E' risaputo che una dieta sana e ricca di frutta e verdura aiuta a mantenersi sani e in forma. Tuttavia una nuova ricerca norvegese ha messo in luce...
Dieta vegetariana? Non sottovalutate i rischi per ... Studi epidemiologici portati avanti per decenni hanno verificato in modo inconfutabile che una dieta ricca di frutta e verdura è decisamente la più ...

Passaparola!

Non perderti neppure una novità su dieta, salute, benessere e fitness. Iscriviti alla Newsletter!