Passaparola!

Di solito nelle diete per dimagrire si raccomanda l’aumento del consumo di frutta e verdura, ma questa raccomandazione potrebbe presto essere abbandonata a causa di uno studio dell’Università dell’Alabama pubblicato sulla rivista American Journal of Clinical Nutrition. Questa sorprendente ricerca ha infatti concluso che il consumo abituale di frutta e verdura ha molti effetti positivi sulla salute ma non incide in modo significativo sulla perdita di peso.


Sfatiamo il mito: mangiare più verdura non fa dimagrire

La quantità di frutta e verdura raccomandata dai nutrizionisti è di 1-2 porzioni di frutta e 2-3 porzioni di verdura al giorno.

Kathryn Kaiser, ricercatrice della School of Public Health e i membri del suo team hanno eseguito una ricerca sistematica corredata da un’accurata analisi statistica su molti articoli scientifici precedenti che studiavano proprio l’impatto del consumo di frutta e verdura sulla perdita di peso e che avevano coinvolto un totale di 1200 partecipanti. I risultati delle loro analisi mostrano chiaramente che aumentare il consumo di frutta e verdura di per sé non porta a una riduzione del peso corporeo. 

frutta-verdura-dimagrireIn tutti gli studi che abbiamo analizzato abbiamo visto un’influenza sulla perdita di peso praticamente uguale a zero” dice infatti Kaiser. “Perciò non penso che un consumo maggiore di cibo, qualunque sia la sua natura, sia un approccio efficace per perdere peso“.

Vale però anche il contrario. Infatti, nonostante molti pensino che mangiare più frutta possa addirittura far ingrassare a causa degli zuccheri naturalmente presenti in essa, la dottoressa Kaiser non ha riscontrato neppure questo effetto.

La stessa Kaiser riconosce l’importanza di mangiare frutta e verdura per le loro molte proprietà benefiche, come per l’apporto di vitamine e fibre, ma sottolinea che purtroppo le aspettative sulla perdita di peso sono smentite.

Parola d’ordine: ridurre le calorie

In un generale contesto di dieta salutare ciò che aiuta a perdere peso è una riduzione dell’energia immessa col cibo, quindi per dimagrire è necessario ridurre l’apporto calorico. Il concetto è ben espresso dal dott.  David B. Allison, altro curatore della ricerca: “Per quanto riguarda la salute pubblica vogliamo mandare un messaggio positivo e incoraggiante sul consumo di frutta e verdura. Sfortunatamente però sembra che aumentare il consumo di questi alimenti senza altri accorgimenti per ridurre l’apporto calorico totale non porti ad alcuna perdita di peso“.

Infatti, continua Allison, “la gente dà per scontato che i cibi ad alto contenuto di fibre come frutta e verdura andranno a sostituire i cibi menu salutari e questo sarà il meccanismo per perdere peso. Ma le nostre conclusioni, ottenute dai risultati delle migliori ricerche disponibili, mostrano che questo effetto non è presente tra i volontari istruiti semplicemente a mangiare più frutta e verdura“.

Per dimagrire non conta solo il cibo

dimagrire-meditazioneChiunque conosca un po’ i meccanismi del nostro organismo che portano all’aumento del peso corporeo sa bene che essi sono sempre il risultato di un mix tra cattiva alimentazione, sedentarietà e componente emotiva. Se stai leggendo questo articolo probabilmente è perchè stai cercando un modo per dimagrire, e forse sei rimasto un po’ deluso nello scoprire che l’aumento nel consumo di frutta e verdura da solo non è sufficiente. Sulla necessità di fare movimento ho scritto in molti altri articoli, quindi ora ti voglio consigliare una piccola perla per quanto riguarda il terzo fattore, quello emotivo. Si tratta del libro “Ho mangiato abbastanza. Come ho perso 60 chili con la meditazione (e altri segreti)” di Giorgio Serafini Prosperi. L’autore è arrivato a pesare 140 Kg prima di capire che la prima cosa da fare per migliorare il suo fisico era migliorare la sua testa. Ha così intrapreso una lenta ma costante “ristrutturazione interiore” che gli ha fatto perdere 60 Kg senza diete nè interventi chirurgici. In questo libro racconta la sua storia personale per testimoniare che liberarsi da un cattivo rapporto con il cibo e dalla schiavitù del peso in eccesso è possibile.

Conclusioni

Una ricerca americana ha accertato che il semplice aumento del consumo di frutta e verdura senza altri accorgimenti sul regime alimentare non porta ad alcuna diminuzione di peso, perché l’unica strada per dimagrire è tenere sotto controllo la quantità totale di calorie assunte.

Rimane comunque sempre valida l’affermazione che è fondamentale mangiare almeno 5 porzioni di alimenti vegetali ogni giorno, tanto meglio se crudi per preservarne intatti vitamine e minerali. Certamente una buona abitudine è quella di consumare la verdura cruda lentamente e all’inizio del pasto, per ridurre l’appetito e arrivare prima a quel senso di sazietà che ci permetterà magari di saltare il bis o il dolce senza troppa fatica.

Se però il vostro scopo è dimagrire, purtroppo non ci si può fidare di quelli che dicono “basta mangiare più frutta e verdura” e questa volta… LO DICE LA SCIENZA! 


Fonte:

Kaiser K. et al.,  Increased fruit and vegetable intake has no discernible effect on weight loss: a systematic review and meta-analysis, June 2014 DOI: 10.3945/ajcn.114.09054

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fai scorta di mirtilli contro l’ipertensione Una sola porzione di mirtilli al giorno può essere la chiave per ridurre la pressione arteriosa e prevenire l'aterosclerosi, entrambe associate a dist...
Ecco il trucco per massimizzare gli effetti della ... La dieta mediterranea è sicuramente uno dei regimi alimentari più salutari e consigliati dai dietologi di tutto il mondo. Ci sono tuttavia degli accor...
Le prugne secche rendono più efficace la dieta Una nuova ricerca inglese ha scoperto che mangiare prugne durante un periodo di dieta può ottimizzare la perdita di peso. Lo studio, condotto dall'I...
La dieta non funziona? Ecco perchè (e come rimedia... La tua dieta non funziona? Combatti ogni giorno contro le tentazioni del cibo ma nonostante questo non riesci proprio a dimagrire? Una nuova ricerca h...

Passaparola!

Non perderti neppure una novità su dieta, salute, benessere e fitness. Iscriviti alla Newsletter!