Passaparola!

Quando si parla di fitness per la donna i dubbi che emergono sono sempre gli stessi. Fare molto esercizio mi renderà troppo muscolosa? Per smaltire il grasso sulla pancia devo fare addominali? E’ meglio correre in strada o su tapis roulant? E così via… Allo stesso tempo, in mancanza di una seria fonte di informazioni c’è la tendenza ad affidarsi a risposte poco fondate magari sentite dalle amiche o buttate qua e là sui social network da qualcuno senza preoccuparsi di verificarle.


I falsi miti del fitness per la donna

Prendo spunto allora da un’ottima infografica proposta da Health Central per cercare di sfatare 5 falsi miti  che troppo spesso preoccupano le donne che si mettono a fare fitness per perdere peso e rassodare il corpo.

Mito n.1: correre sul tapis roulant affatica le ginocchia meno che correre in strada.

Quando si corre su un tapis roulant il nastro si muove all’indietro sotto i nostri piedi, trascinando con sè il piede d’appoggio. Questo porta ad un innaturale posizionamento della gamba e ad una serie di movimenti anche inconsci da parte del corridore per bilanciare tale trascinamento, che alla lunga possono stressare il ginocchio addirittura di più di una cosa su strada. Oltre a ciò, più si usa il tapis roulant e più si perde la capacità di correre all’aperto a causa appunto della diversa sequenza di movimenti, rendendoci di fatto dipendenti dalla palestra. E poi volete mettere la varietà del paesaggio, la possibilità di sentire la brezza sul corpo, il calore del sole sulla pelle?

Mito n.2: se non stai sudando non ti stai allenando abbastanza.

Il sudore è una risposta termodispersiva del corpo, serve cioè a tenere sotto controllo la temperatura dell’organismo. La quantità di sudore può dipendere da molti fattori: la temperatura dell’ambiente nel quale ci si allena,  la quantità e la distribuzione delle ghiandole sudoripare sotto la nostra pelle, la quantità di liquidi ingeriti nelle ore precedenti all’allenamento, ecc… Ma allora qual è il parametro giusto da guardare per capire se il nostro allenamento sta procedendo con la corretta intensità? Semplice: il battito cardiaco.

Mito n.3: senza dolore non ci sono benefici.

Anche in questo caso stiamo parlando di qualcosa di troppo generico per essere vero. Se infatti molte volte il giorno dopo l’allenamento si può avvertire un certo indolenzimento ai muscoli, ciò non significa che il dolore di per sè sia un buon indicatore dell’efficacia dell’allenamento. Infatti se si è sufficientemente allenati è davvero molto difficile sentire dolore dopo l’attività di fitness. E comunque non bisogna mai provare dolore durante la sessione di training, perchè significherebbe che stiamo tirando troppo i muscoli con il rischio di stirarli oppure che ci stiamo lesionando un legamento. E’ comunque sempre consigliato fare un bel riscaldamento e dello stretching in modo corretto sia prima che dopo l’attività fisica.

Mito n.4: non faccio pesi perchè ho paura di diventare troppo muscolosa.

Se anche tu pensi questo, significa che non hai mai provato a far crescere i tuoi muscoli. Perchè altrimenti sapresti bene che per aumentare anche di pochi cm il volume di qualche muscolo ci vogliono mesi e mesi di duro, intenso e costante allenamento. Credimi, le donne molto muscolose che vedi in giro o su internet, quelle alle quali NON vorresti assomigliare perchè troppo mascoline, si sono fatte il mazzo in palestra per anni. E magari qualcuna si è anche buttata giù un po’ di ormoni… Non ti preoccupare, una o due sessioni settimanali con pesi proporzionati al tuo fisico non ti faranno diventare il nuovo Hulk. Ti faranno solo diventare più magra, più tonica e più snella. Brutto, vero?

Mito n.5: fare addominali fa calare la pancia.

Eccolo qui, il mito dei miti! Quante volte ho sentito o letto questa frase… Mi dispiace, ma non funziona così. Chiariamolo una volta per tutte: è bene fare addominali, come qualunque altro esercizio, ma non esiste il dimagrimento localizzato, cioè se faccio lavorare una certa zona del corpo non dimagrirò di più in quella zona. Dimagrirò invece in tutto il corpo, compresa la pancia. Per questo non serve ammazzarsi di addominali per appiattire la pancia e far emergere un po’ di struttura sottostante, ma piuttosto continuare ad allenarsi sia con i pesi che con esercizi cardio. E allenarsi con costanza e perseveranza sapendo che i risultati non arriveranno che col tempo. Tutto ciò può essere velocizzato (e di molto!) se all’allenamento si affianca una dieta equilibrata e che non preveda alti picchi glicemici, che favoriscono l’accumulo di grasso specie nella fascia addominale e sui glutei come ho spiegato nel dettaglio in questo articolo. Se il vostro scopo è quello di ridurre il grasso sulla pancia quindi limitate i carboidrati semplici, i cibi e le bevande zuccherate, i grassi saturi e i cibi fritti. Via libera a cereali integrali, carni bianche, pesce, legumi e verdura. E tanto esercizio fisico… si, anche addominali!

L’importanza dell’abbigliamento nel fitness

Quello che invece non è un falso mito è che per le donne fare fitness è un po’ più complicato. E’ necessario abbinare la comodità e l’elasticità dei vestiti alla traspirabilità e al calore in inverno, specie per chi pratica fitness all’aperto. Senza dimenticare il sostegno al seno, che altrimenti rischia di dare fastidio durante l’attività fisica. Per questo consiglio alle lettrici del blog di dotarsi:

  • reggiseno fitness donnadi un buon reggiseno contenitivo e shock-absorber come questo, che sostiene il seno al 100% bloccando ogni movimento sgradito durante la pratica dello sport. Attenzione solo alla taglia, essendo bloccante tende a vestire piccolo e quindi vi conviene valutare di acquistare una taglia in più.

 

  • completo fitness donnadi un completo da jogging per la stagione invernale che sia confortevole, caldo e sicuro (per esempio che abbia strisce catarifrangenti, fondamentali durante la corsa). Inoltre deve avere anche caratteristiche antipioggia e antivento, per esempio come questo completo della Ultrasport. Per la stagione estiva invece è sufficiente un paio di pantaloni corti e una canotta.

Abbiamo visto quindi che ci sono diversi falsi miti associati al fitness per la donna ma che con la corretta informazione, con un po’ di attenzione alle fonti e sopratutto con l’ascolto del proprio corpo queste credenze si possono superare e correggere. Ora non ti resta che indossare le tue scarpe da ginnastica e cominciare la tua sessione di attività fisica per mantenerti in forma, snella e sana. Buon allenamento!


Passaparola!

Non perderti neppure una novità su dieta, salute, benessere e fitness. Iscriviti alla Newsletter!